La coscienza del luogo. Per una visione di città

È necessario un ritorno al territorio e alla coscienza di luogo come condizione imprescindibile per ricostruire “l’ambiente dell’uomo” e il senso di comunità.

La sovradeterminazione dell’economia del sistema finanziario nel processo di globalizzazione ha prodotto uno sfarinamento totale del territorio e delle relazioni virtuose e co-evolutive fra insediamento urbano e ambiente. La deterritorializzazione, la decontestualizzazione e il degrado costituiscono una seconda natura artificiale in un territorio posturbano e post fordista, con esiti catastrofici sulla qualità della vita, sulle relazioni sociali, sul progresso sociale. Ecco l’imbarbarimento dei nuovi spazi pubblici cementificati e relegati a non-luoghi dominati da centri commerciali e l’abbandono o la desertificazione di luoghi storici come le piazze, i parchi, il centro cittadino. Livorno ne è un esempio: la nostra città soffre scelte sbagliate e l’incapacità di arginare gli effetti della globalizzazione che uniforma spazi e luoghi secondo i parametri del consumismo selvaggio.
Ogni luogo, e a maggior ragione quello che vanta una certa storia e una vita plurisecolare, ha personalità, anima, genius loci. Secondo questa accezione il territorio non esiste in natura; esso è prodotto dall’uomo cui è connaturata l’arte del costruire il proprio ambiente di vita in forme culturali. Il territorio è un soggetto vivente ad alta complessità, esito di processi e di evoluzioni sinergiche fra insediamento umano e ambiente. Il territorio dunque cresce, si ammala, muore quando la relazione si interrompe. Serve ripartire dalla coscienza della città intesa come senso di appartenenza alla società locale, cosa ben diversa dal semplice campanilismo o dalla chiusura autarchica che non avrebbe senso con la realtà.

La coscienza del luogo è la consapevolezza, acquisita attraverso un percorso di trasformazione culturale degli abitanti/produttori, del valore patrimoniale dei beni comuni territoriali (materiali e relazionali), in quanto elementi essenziali per la riproduzione della vita individuale e collettiva, biologica e culturale. La riformulazione degli elementi di comunità in forme aperte, relazionali, solidali e mutuali è l’elemento caratterizzante di un percorso che va dalla sfera individuale a quella collettiva; in questa ottica può avvenire un riavvicinamento fra mezzi e fini della produzione, favorito da una visione unitaria e condivisa, finalizzata alla ricostruzione del benessere sociale. In un sistema territoriale locale così integrato, possono svilupparsi settori di attività che aprano la strada alla cura, alla manutenzione e all’accrescimento del patrimonio territoriale e ambientale sentito come proprio per un nuovo senso di appartenenza. Si creano così nuove socialità, nuova democrazia, nuovo municipalismo, attraverso le pratiche quotidiane e la produzione di valori territoriali condivisi. Intervenendo sul che cosa, sul dove, sul quanto e sul come produrre, per la trasformazione del patrimonio territoriale in forme durevoli secondo metodi e prospettive già delineate dalla conversione ecologica dei sistemi produttivi.

bl1

Si tratta di dare respiro e sostanza alle numerose componenti sociali, politiche ed economiche fra loro molto differenti ma con numerosi tratti in comune, a partire dalla critica, dal rifiuto e dal conflitto verso gli interessi costituiti e il modello di società dominante, dai tentativi di riappropriazione diretta di saperi produttivi verso la costruzione di nuovi simboli e immaginari, pratiche di vita e di consumo alternative, muovendosi, quindi, dalla ri-territorializzazione e dall’auto-riconoscimento. Fondamentali le pratiche e le forme di democrazia partecipativa e i suoi istituti di co-decisione inclusiva: in un territorio abitato da molte culture, da cittadinanze plurali, l’auto-riconoscimento dei soggetti che si relazionano e si associano per la cura dei luoghi è l’atto costituente di elementi di comunità. La comunità è una possibilità, non un dato storico riservato agli autoctoni o ai portatori di grandi interessi tradizionali, ma un progetto delle genti vive, degli abitanti di un luogo, che deriva dalle interazioni solidali fra attori diversi in una società complessa, in grado di reinterpretare l’anima del luogo per attivare nuove forme di produzione e consumo fondate sulla convivialità, la solidarietà e l’autosostenibilità.

La coscienza del luogo passa necessariamente dalle vertenze territoriali e dalle mobilitazioni specifiche su singoli problemi che favoriscano e accompagnino cambiamenti culturali profondi da cui rinascono solidarietà comunitaria, senso di appartenenza ai luoghi di vita e reinterpretazioni dei loro potenziali valori da difendere e da curare attraverso la crescita di cittadinanza attiva. Non si tratta di una semplice difesa di luoghi storici, di identità passate, ma di costruzione di comunità che crescono anche attraverso l’esercizio del conflitto e si ritrovano a costruire un patto territoriale di cura, sviluppando le proprie identità e i propri saperi nel progetto comune, in forme dinamiche, aperte e solidali.
La cura e la ricostruzione dei luoghi per la messa in valore dei beni patrimoniali in forme durevoli e sostenibili richiedono dunque cittadinanza attiva, consapevole, in grado di saper coniugare saperi contestuali con saperi esperti attraverso le pratiche quotidiane, contaminazioni e forme di democrazia partecipativa. In questa visione la coscienza di luogo può divenire operante solo se cambiano le condizioni di decisione (riforma dello Statuto Comunale e nuovi istituti e processi partecipativi, decentramento etc). Una democrazia partecipativa come pratica ordinaria di governo in tutti i settori e a tutti i livelli dell’amministrazione locale vista non solo come strumento per la rivitalizzazione della vita democratica a fronte della crisi della democrazia rappresentativa ma anche come strumento di liberazione della vita quotidiana individuale e collettiva dalle sovradeterminazioni e coazioni del mercato, verso l’autodeterminazione degli stili di produzione, di scambio, di consumo. La posta in gioco della partecipazione è quella di rimettere il benessere e la felicità pubblica al centro delle politiche istituzionali locali.

È necessario sovvertire l’infelicità. Una delle strade possibili si concretizza nell’arginare la spirale di depressione e di impotenza che caratterizza il declino delle città (inserito certo nello spirito del tempo della globalizzazione dominata dalle transnazionali e dalla finanza) mettendo in atto e sviluppando progetti e soluzioni in grado di connettere la crescita di coscienza di luogo con le condizioni di felicità umana, individuale e collettiva. La nostra felicità dipende sì dalle merci che possiamo acquistare col reddito, ma anche e sempre più dai nostri rapporti con le persone che ci circondano, dalle nostre possibilità di svolgere il nostro genio, dall’ambiente sociale quindi.
Serve organizzare gli spazi di relazione e di prossimità (piazze, strade, parchi etc), realizzare l’urbanistica dell’organizzazione territoriale che massimizzi i diritti alla qualità urbana e ambientale, alle relazioni sociali, allo spazio pubblico. Ecco il concetto di progresso sociale calibrato per la nostra città: equità spaziale, accessibilità ai servizi, relazioni di prossimità, inclusione sociale, gestione collettiva dei beni comuni territoriali – amministrazione condivisa.

bl2

Una crescita della società locale e delle sua capacità di autogoverno in grado di produrre benessere individuale e collettivo. Un succo dei luoghi come insieme di beni patrimoniali che, se messi in valore in forme sostenibili, può produrre nuove forme di ricchezza durevole. Ammesso che questi beni passino attraverso meccanismi autoregolativi: riconoscimenti comuni degli abitanti-produttori e costruzione di patti costituzionali locali (statuti) entro i quali ogni attore (economico, culturale etc.) dovrebbe autoregolare le proprie azioni in modo da non danneggiare o distruggere i beni da cui egli stesso trae ricchezza. Un autogoverno locale dei beni comuni, superando in parte la dicotomia fra uso pubblico e uso privato del territorio e del governo dei suoi beni patrimoniali, reintroducendo il concetto terzo di uso comune di molti di questi beni (acqua, energia, salute, informazione, alimentazione, costa marina, colline e paesaggi, spazi pubblici urbani etc.). I municipi sono i primi spazi dove restituire il valore statutario di bene comune, dotato di autonomia rispetto ai beni privati e pubblici, dove praticare e coltivare forme di gestione collettiva e comunitaria che consentano di riprendere il significato e i principi degli usi civici.

L’attività di pianificazione territoriale si fonderà quindi sulla individuazione e messa a fuoco della composizione media dei caratteri della popolazione e sull’analisi dello stato del territorio nelle sua infrastrutture naturali e storiche. Si tratta insomma di calibrare le scelte e gli indirizzi politici ed economici anche sul carattere individuale statisticamente rappresentativo del territorio.
Il futuro delle città passa da queste sfide e dalla capacità di una classe politica in grado di sovvertire depressione e infelicità osando ripartire dalla coscienza di comunità.

Stefano Romboli (Buongiorno Livorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *